Linea di trattamento acque Tobl

Il trattamento delle acque reflue

L’impianto di depurazione é stato dimensionato e progettato per una capacità di circa 150.000 abitanti equivalenti, in modo tale da far fronte alle esigenze della popolazione residente, del turismo, dell’industria e dell’artigianato assicurando allo stesso tempo livelli qualitativi molto elevati, con massimo abbattimento del carico inquinante organico e forte riduzione dei composti di azoto e fosforo.

L’obiettivo della depurazione delle acque di scarico viene conseguito mediante procedimenti fisici, biologici, chimici e biochimici.

Legenda schema funzionale

Acqua Fanghi Acqua torbida 
     
1) Afflusso 6) Sedimentazione primaria 10) Acque torbide
2) Troppopieno d'emergenza 7) Ossidazione 11) Vasca d'accumulo acque torbide
3) Grigliatura grossolana 8) Sedimentazione secondaria 12) Sistema DEMON
4) Dissabbiatore/disoleatore 9) Scarico impianto 13) Fiume Rienza
5) Ai pre-ispessitori    

 

Depurazione meccanica, griglia a pettine grossolano

Nella prima sezione dell'impianto di depurazione, la pulizia meccanica [3], le acque reflue vengono liberate dalla contaminazione grossolana. Le griglie automatiche recuperano materiali grezzi come carta igienica, scarti alimentari, articoli igienici, salviette umidificate, materiali da imballaggio, ecc.

Depurazione meccanica, griglia a pettine grossolano

Impianto grigliatura grossolano

Dissabbiatore/disoleatore

Un separatore di sabbia [4] è una vasca di decantazione aerata con il compito di rimuovere le impurità grossolane e sedimentabili dalle acque reflue, come sabbia, piccole pietre o schegge di vetro. Nel disoleatore, i grassi e gli oli vengono separati dall'acqua e galleggiano alla superficie dell'acqua, dove vengono rimossi da un raschiatore.

Dissabbiatore/disoleatore

dissabbiatore/disoleatore

Sedimentazione primaria

L'acqua di scarico pulita meccanicamente scorre ora lentamente attraverso la vasca di sedimentazione primaria [6]. Si depositano sostanze colloidali non disciolte (feci, fibre, ecc.). L'acqua in eccesso viene convogliata all'ulteriore processo di depurazione dell'impianto di trattamento delle acque reflue, i fanghi depositati vengono pompati alla torre di digestione per il successivo trattamento.

Sedimentazione primaria

Vasca di sedimentazione primaria

Purificazione biologica

Questo è il cuore dell'impianto di trattamento. Nel trattamento biologico delle acque reflue [7], miliardi di microrganismi agiscono assorbendo le sostanze contenute nell'acqua come cibo, degradando o riducendo i composti di carbonio e di azoto. Anche il fosforo è biologicamente degradato e l'eccesso di fosforo viene precipitato chimicamente. L'intero processo di pulizia è controllato con un sacco di tecnologia di misurazione. Le sonde di misura controllano la concentrazione di ossigeno, la temperatura, la concentrazione dei fanghi e il valore del pH. Il controllore e il computer ottimizzano e documentano il processo di pulizia con i valori misurati.

Purificazione biologica

Vasca d'ossidazione

Vasca di sedimentazione secondaria

Le vasche di sedimentazione finale [8], che formano un'unità di processo con le vasce di ossidazione, i fanghi attivi vengono separati. Per concentrare la biomassa, una parte di essa viene pompata nella biologia. Le acque reflue biologicamente purificate vengono ora scaricate nuovamente nell'acqua ricevente.
Gli impianti di trattamento delle acque reflue degradano i composti del carbonio fino al 99 %, l'azoto fino all'84 % e il fosforo oltre il 90 %.

Vasca di sedimentazione secondaria

Vasca di seconda sedimentazione

Sistema DEMON

La tecnologia DEMON® [12] utilizza un processo biologico per rimuovere grandi quantità di ammonio dalle acque reflue. La tecnologia innovativa richiede il 60% di energia in meno rispetto ai processi convenzionali e, a differenza di questi, nessun additivo chimico.

Sistema DEMON

Vasca DEMON